Recensione: The Kingdom. La Signora dei Cimiteri di Amanda Stevens (Harlequin Mondadori)

Secondo appuntamento con la serie che ha per protagonista La Signora dei Cimiteri, disponibile sullo store di Harlequin Mondadori. Atmosfere cupe e spettrali aspettano Amelia nella piccola cittadina di Asher Falls, raggiungibile solo in barca dopo che un’alluvione ha sommerso l’antico cimitero e tutto ciò che conteneva.

Non vidi nessuno mentre facevo il giro della piazza. Non fosse stato per qualche automobile parcheggiata, avrei giurato che il posto era disabitato. Le strade erano silenziose come tombe, le vetrine dei negozi bui. L’atmosfera che si respirava era quella di un luogo abbandonato.” [pag.16]

Amelia è cresciuta in un cimitero, l’unico luogo in cui si sia mai sentita davvero in pace, soprattutto da quando per la prima volta ha visto un fantasma. Il padre adottivo, con le sue stesse capacità, le ha insegnato quattro semplici, ferree regole da rispettare per evitare problemi. Sì, perché i fantasmi sono anime irrequiete che hanno fame di vita e si aggrappano alle persone succhiandone pian piano la linfa vitale, fino a portarle alla morte.Nel primo volume della serie, Amelia ha infranto queste regole innamorandosi di un poliziotto posseduto dagli spiriti della moglie e della figlia morte in un incidente stradale. Il velo è stato squarciato, così Amelia ha dovuto allontanarsi dall’uomo per essere al sicuro ma non è così semplice: una volta che il muro che separa i due mondi si è assottigliato, i problemi sono solo all’inizio.

Il secondo episodio (questo) si apre con un nuovo incarico per Amelia: il restauro del cimitero di Thorngate, ad Asher Falls, una piccola cittadina non troppo distante da dove vive, Charleston. L’unico modo per raggiungere il luogo è attraversare un lago artificiale o, meglio, accidentale:

(…) Asher Falls era stata una comunità prospera fino a quando, verso la metà degli anni ottanta del ventunesimo secolo, uno dei suoi cittadini più illustri, Pell Asher, aveva ceduto allo stato un vastissimo appezzamento dove creare un bacino idrico. All’apertura della diga, l’intera area era stata inondata e la superstrada che portava alla città sommersa. Già tagliata fuori da una nuova rete stradale, la cittadina, ormai raggiungibile solo con il traghetto o attraverso strade secondarie, era caduta nel dimenticatoio e buona parte della popolazione si era trasferita altrove.” [pag.7]

amanda stevens - old cemetery+angelQuello che Amelia non ha appreso dalle sue ricerche ma viene presto a sapere è che nel fondale del lago è rimasto sommerso uno dei due cimiteri cittadini (chiamato sempre Thorngate) inclusi i suoi “inquilini” ma c’è qualcosa che la lega a questa città, qualcosa di oscuro e di misterioso e la sua permanenza, per quanto spaventosa, è per lei necessaria. L’inquietudine e il sentirsi costantemente osservata la accompagneranno, questa volta, anche all”interno del Cimitero di Thorngate (che non poggia su terra consacrata), come le statue degli angeli, così altezzosi e così somiglianti ai componenti della famiglia Asher.

La donna dovrà quindi scoprire cosa c’è di così malefico nella cittadina verso la quale sente una strana attrazione, che cosa nasconde la famiglia degli Asher, cui si deve il nome della località, e soprattutto quando scopre una tomba nascosta in bella vista in un campo, Amelia decide che deve capire di chi si tratta e donarle degna sepoltura.

—————————————♥—————————————

Se The Restorer è stata una lettura piacevole e il personaggio di Amelia una bella scoperta, The Kingdom si è rivelata ancora più intrigante e soddisfacente. Come nel primo volume, tornano le atmosfere da brivido che Amanda Stevens è bravissima a far vivere al lettore attraverso le parole di Amelia (i libri sono raccontati in prima persona), aggiungendo con leggerezza e semplicità elementi destabilizzanti e inquietanti, sempre nelle giuste dosi:

amanda stevens - old cemetery deviantart
Old Cemetetery by DarckBMW

Uscii e richiusi la porta mentre mi toglievo dai capelli una ragnatela immaginaria, ma di colpo di bloccai. C’era un uomo all’interno della recinzione, e mi fissava attraverso la distesa di lapidi. Mi ricordò il fantasma del vecchio che infestava il cimitero di Rosehill (ndr, il cimitero in cui è cresciuta Amelia; il vecchio di cui parla è il primo fantasma che ha visto nella sua vita). Da lontano c’era in effetti tra i due una certa somiglianza – entrambi erano alti e vestiti di nero – ma questo aveva lunghi capelli grigi che gli ricadevano in ciocche unte sul pesante soprabito di lana. Io mi ero già liberata della giacca leggera e la scelta di quel capo di vestiario in una giornata così tiepida mi parve bizzarra. Non pensavo che fosse uno spettro, ma dopo il mio incontro con Devlin (ndr, l’investigatore di cui si è innamorata) le regole erano cambiate. (…) Mentre indugiavo indecisa sui gradini della cappella, l’uomo fece qualcosa che non era tipico né di un uomo né di uno spirito. Si lasciò cadere a terra e scivolò al di sotto della recinzione per poi sgattaiolare, carponi e con la rapidità di un ragno, nel folto degli alberi e scomparire.

Ora, ho letto questa scena del vecchio che “si lascia cadere” poco prima di dormire e vi garantisco che continuava a ronzarmi in testa. Immaginatevi al suo posto e di assistere ad una scena simile… davvero agghiacciante! Niente di trascendentale, si intenda, ma quelle piccole (e tante) cose che fanno sì che l’ambientazione risulti decisamente spettrale.

amanda stevens - angelIl personaggio principale, Amelia, è davvero particolare e si differenzia nettamente dalle “eroine” cui siamo abituati. Innanzitutto, nonostante abbia solo 27 anni, risulta più adulta della sua età, nei modi di fare, di pensare e di agire. Ci tiene molto al suo lavoro ma avere a che fare con i fantasmi, nonostante ci sia avvezza, continua a spaventarla. Non è particolarmente coraggiosa, se non quando deve salvare la propria vita (ma preferisce scappare) o quella di Angus, il cane trovatello che d’ora in poi l’accompagnerà sempre, nè affabile. Piuttosto diffidente, dà difficilmente confidenza alle persone che incontra e i suoi discorsi sono brevi ed essenziali. Poco affabile e molto professionale, Amelia è un punto interrogativo sin dalle origini. Di lei sappiamo che è stata adottata ma niente trapela sui suoi veri genitori fino a questo libro.

In The Kingdom riusciremo finalmente a scoprire il passato della donna in un crescendo emotivo particolarmente ben costruito dalla Stevens, che tiene alta la tensione fino a poche pagine dalla fine scoprendo solo allora tutte le carte in gioco. Il libro è, quindi, essenzialmente una ghost story, costruito secondo le regole del mystery e non del giallo come la trama lascerebbe intuire. Niente di poliziesco o investigativo, ma la storia di una donna segnata dal “dono” di vedere i fantasmi e dal misterioso passato che, un pò per volta, viene disvelato e consente al lettore di entrare finalmente in sintonia col personaggio.

amanda stevens -old cemeteryInfine, lo stile di scrittura ricalca a pennello il personaggio principale, presenta pochi dialoghi (se si escludono quelli interiori) ma non è mai lento nella lettura. Appassionante, coinvolgente, ricco di colpi di scena, la serie de La Signora dei Cimiteri è una delle migliori nel filone ghost story arrivate in Italia grazie ad Harlequin Mondadori che l’ha inserita nella collana Blue Nocturne.

Inutile dire che consigliamo la serie a tutti gli amanti di questo genere, rassicurandoli che non se ne pentiranno.

Voto: 8,5.

P.S. Per chi fosse ancora in dubbio, consiglio di leggere The Abandoned, il racconto prequel della serie che sarà nello store on-line di Harlequin a partire dal 26/10: in questo modo avrete un assaggio di cosa vi state perdendo stiamo parlando e potrete decidere se vi piacciono lo stile, l’argomento e la storia. Una volta deciso, sappiate che The Restorer e The Kingdom sono acquistabili solo nello store on-line mentre appuntatevi la data del 29/11 perché uscirà The Prophet, il terzo libro con protagonista Amelia Gray, che troverete sia on-line che nella vostra edicola di fiducia (attenzione, però, ci resterà solo un mese!).

LA TRAMA

Sono Amelia Gray e mi chiamano la Signora dei Cimiteri. Ho ricevuto l’incarico di restaurare un vecchio camposanto nella cittadina di Asher Falls, South Carolina, raggiungibile solo in barca. Ma credo che in realtà ci sia un’altra ragione se sono stata chiamata qui. Sento una sorta di legame che non riesco a spiegarmi e a comprendere.

Perché c’è un cimitero in fondo al lago?

Perché vengo attirata di continuo verso una tomba nascosta che ho scoperto nel bosco?

C’è qualcosa in questa città che la fa avvizzire. Si respira un’atmosfera di morte e il male è in mezzo a noi. Forse tutto cambierà se riuscirò a scoprire la verità nascosta dal velo che separa i vivi dai morti.

LA SERIE

La serie Graveyard Queen conta al momento 4 libri (il prossimo è previsto in uscita USA a ottobre 2013) cui si aggiunge questo racconto breve. Le copertina americane sono state salvate, è quindi probabile che anche il terzo e il quarto romanzo (la cover non è ancora stata resa nota) arrivino a noi identiche.

– The Abandoned (Graveyard Queen #0.5): in uscita come e-book il 21/10/2013;
– The Restorer (Graveyard Queen, #1): uscito il 01/06/2012, e ristampato nella collana Blue Nocturne il 29/03/2013 (si può acquistare qui);
– The Kingdom (Graveyard Queen, #2): uscito in e-book a febbraio 2013, in cartaceo il 30/08/2013 (si può acquistare qui);
– The Prophet (Graveyard Queen, #3): in uscita il 29/11/2013 (si può acquistare qui);
– The Visitor (Graveyard Queen #4): uscirà negli USA a ottobre 2013.

In attesa della copertina ufficiale di The Abandoned, ecco le cover italiane dei libri fin’ora usciti o in via di pubblicazione:

L’AUTRICE

Amanda Stevens abita a Houston, Texas, dove sta attualmente lavorando alla serie The Graveyard Queen per MIRA Books e alla serie Soul Jumper per Harlequin Teen. Autrice di oltre 50 romanzi, Amanda è membro dell’International Thriller Writers and Romance Writers of America. E’ stata per tre volte finalista al Rita Award e ha ricevuto premi alla carriera come Series Romantic Suspense e Series Romantic Mystery dalla RT Reviews. La sua serie dedicata alla Signora dei Cimiteri è stata acquistata dalla NBC.

Per scoprire qualcosa in più di Amanda Stevens, è possibile visitare il sito web personale, trovare la sua pagina Facebook, seguirla su Twitter o leggere il suo blog!

Titolo: The Kingdom. La Signora dei Cimiteri
Titolo originale: The Kingdom
Autore: Amanda Stevens
Editore: Harlequin Mondadori
Collana: Blue Nocturne
Pagine: 347
Prezzo: € 5,90

Advertisements

4 thoughts on “Recensione: The Kingdom. La Signora dei Cimiteri di Amanda Stevens (Harlequin Mondadori)

  1. Il primo volume de La signora dei cimiteri mi era piaciuto un sacco, tanto che non vedevo l’ora uscisse The Kingdom….purtroppo non ho ancora trovato il tempo di leggerlo…prima o poi…

    Mi piace

    1. Anche a me era piaciuto parecchio e ti dirò, questo anche di più! Si scoprono molte cose su Amelia e le sue origini… 😉 Appena hai tempo, te lo consiglio!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...