Recensione: Aurora nel Buio di Barbara Baraldi

E’ uscito il 3 maggio il nuovo libro di Barbara Baraldi, “Aurora nel buio” (Giunti Editore). Un ritorno al thriller per l’autrice modenese che ha creato un personaggio talmente vivo e tridimensionale, da uscire fuori dalle pagine. Mi riferisco all’Aurora del titolo, la miglior profiler della polizia italiana ma anche una ragazza che esce da un periodo difficile in cui la vita l’ha messa a dura prova. Come se la caverà con un orribile omicidio e colleghi tutt’altro che amichevoli?

Vi avviso da subito che questo libro è una bomba, uno dei migliori usciti in questo 2017, e per questo motivo la mia recensione è stata difficilissima da scrivere (ehm, wordpress mi ricorda che la prima bozza è datata 27 maggio) perché quando un libro è scritto bene, ha una trama così coinvolgente, con personaggi che vorresti per amici, riuscire a restituire i meriti che gli spettano non è facile.

Spero di esserci riuscita e, se ancora non si fosse intuito: leggete questo libro e tornate a ringraziarmi (o, meglio, ringraziate Barbara, il merito è tutto suo!).

Confidando di seguire ancora altre avventure di Aurora, vi lascio con la mia recensione.

Aurora Scalviati era la migliore, fino al giorno di quel conflitto a fuoco, quando un proiettile ha raggiunto la sua testa. Da allora, la più brava profiler della polizia italiana soffre di un disturbo bipolare che cerca di dominare attraverso i farmaci e le sedute clandestine di una terapia da molti considerata barbara: l’elettroshock.
Quando per motivi disciplinari Aurora viene trasferita in una tranquilla cittadina dell’Emilia, si trova di fronte a uno scenario diverso da come lo immaginava.
Proprio la notte del suo arrivo, una donna viene uccisa. Il marito è scomparso e l’assassino ha rapito la loro bambina, Aprile, di nove anni. Su una parete della casa, una scritta tracciata col sangue della vittima: ”Tu non farai alcun male”.
Aurora è certa che si tratti dell’opera di un killer che ha già ucciso in passato e che quella scritta sia un indizio che può condurre alla bimba, una specie di ultimatum… Ma nessuno la ascolta.
Presto Aurora capirà di dover agire al di fuori delle regole, perché solo fidandosi del proprio intuito potrà dissipare la coltre di nebbia che avvolge ogni cosa. Solo affrontando i demoni della propria mente potrà salvare la piccola Aprile ed evitare nuove morti…

Titolo: Aurora nel Buio
Autore: Barbara Baraldi
Editore: Giunti
Pagine: 528
Prezzo: E.16,90 cartaceo (E. 14,37 su Amazon) – E. 9,99 ebook
Data di uscita: 3 maggio 2017

Aurora è una ragazza spezzata. Bastano poche ore, un piccolo passo falso e l’intero suo mondo si ritrova capovolto. Le persone che ama, il suo futuro, addirittura il suo lavoro risentono di quell’unico momento e nulla sarà mai più come prima.

Aurora però non è tipo da cedere, ama il suo lavoro e non sarà certo una scheggia di proiettile nel cervello a fermarla e nemmeno quelle voci offensive – “ammazzasbirri” – a impedirle di fare il suo lavoro, perché una profiler come lei è difficile trovarla e il suo compito è quello di scovare gli assassini e assicurarli alla legge.

Dopo quanto successo nella sua Torino e a quasi due anni dai terribili fatti che l’hanno sconvolta, torna al lavoro e viene trasferita in una piccola cittadina della bassa modenese. Lì non succede mai nulla di grave e potrà ristabilirsi pian piano perché da quella notte non è più la stessa donna, ha dolori forti alla testa e soffre di un disturbo bipolare che cerca di controllare con medicine e pratiche non sempre legali.

Fatto sta che la ridente località pianeggiante non è così ridente, né tranquilla e proprio il giorno che arriva si imbatte in un macabro omicidio: il corpo di una donna viene ritrovato nella propria casa orribilmente mutilato ma del marito e della bambina non ci sono tracce.

Aurora capisce subito che non si tratta di un comune omicidio e bisogna muoversi velocemente per cercare di ritrovare viva la figlioletta. Purtroppo ad accoglierla non ci sono festoni né tanto meno amici pronti ad ascoltarla, piuttosto superiori che vorrebbero rispedirla indietro il prima possibile e scaricare quello che sembra essere un problema, nessuno crede alle strampalate ipotesi di Aurora, non esistono serial killer nella bassa e chi si fida di una “ammazzasbirri”?

La donna, però, non intende mollare, la vita di una bambina è troppo importante per lasciar perdere.

Non vi svelo altro perché da lì in poi sono continui colpi di scena, twist e scoperte. Aurora troverà che questo mistero ha radici profonde che attingono nella storia – non proprio rosea – del luogo e troverà un alleato su cui poter contare.

Disegno di Giuseppe Candita – Appena visto ho riconosciuto la “mia” Aurora.

Aurora è un personaggio interessantissimo, ne ha passate tante e tutto ciò che contava per lei è scomparso in un’unica maledetta notte. Ciononostante, e non senza fatica, è tornata per fare ciò che le riesce meglio, ciò per cui ha lottato così duramente. Istintiva, irruenta, difficile, la protagonista di questo romanzo è travolgente e poco importa quali demoni porti con sé, la vita degli altri è per lei sempre al primo posto. Caparbia e decisa, è lei il motore di questo romanzo che viaggia sempre in quarta, coinvolge e trascina il lettore dentro una storia tessuta magistralmente dalla scrittrice modenese.

L’ambientazione è il personaggio sotterraneo di questa storia, una cittadina di provincia tipica nella sua ordinarietà così come nella sua ferrea volontà di dimenticare, di accantonare le cose brutte sotto un tappeto immaginario perché è più facile vedere solo la superficie, immaginare che tra bene e male ci sia un mare enorme, perché quando il male è così vicino, nessuno è davvero innocente.

Uno stile asciutto, essenziale e allo stesso tempo estremamente vivido è alla base di un romanzo imperdibile per gli amanti dei thriller, delle atmosfere scure, degli eroi “con macchie”, dei sopravvissuti.

“Aurora nel buio” è uno dei migliori romanzi usciti in questi mesi del 2017, sarebbe un delitto non leggerlo.

Consigliatissimo.

Voto: 

P.S. se ancora non dovessi avervi convinti (siete testoni, a volte!), QUI trovate le prime pagine del romanzo 😉

Barbara Baraldi originaria della Bassa Emiliana, è autrice di thriller, romanzi per ragazzi e sceneggiature di fumetti, tra cui la serie «Dylan Dog». Il suo esordio nella letteratura poliziesca avviene sulle pagine de «Il Giallo Mondadori» con La bambola di cristallo. In contemporanea con l’uscita del romanzo in Inghilterra e negli Stati Uniti, viene scelta dalla BBC tra i protagonisti del documentario Italian noir sul giallo italiano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...