Nel nostro fuoco: intervista a Maura Chiulli

Esce oggi in libreria “Nel nostro fuoco” (Hacca Edizioni) di Maura Chiulli una storia intensa e dolorosa, onesta e salvifica.

Nel nostro fuoco racconta l’incontro tra due anime diverse come il giorno e la notte, eppure una completa l’altra. Due vite opposte che convergono in un futuro che sembra finalmente possibile ma, si sa, la vita non è mai lineare e porrà sulla strada di Tommaso ed Elena una prova durissima da affrontare, eppure così vera, così bella.

Continua a leggere →

Annunci

La stanza della tessitrice: intervista a Cristina Caboni

Quando esce un libro di Cristina Caboni sai già che qualcosa di magico ti avvolgerà grazie alla sua capacità di immergere il lettore in mondi tanto particolari quanto affascinanti.

Con “La stanza della tessitrice” (Garzanti) ci addentreremo nel magico mondo dell’abbigliamento e dei capi esclusivi, ma se subito pensate a qualcosa di frivolo state andando nella direzione sbagliata. Cristina Caboni ci ha abituati a cogliere l’essenza della vita anche attraverso la semplicità e la naturalezza della quotidianità, così come la naturalezza di confezionare e indossare un abito.

Continua a leggere →

Feel Free: intervista a Zadie Smith

E’ da poco in libreria “Feel Free” la raccolta di ventisei articoli e saggi scritti da Zadie Smith e pubblicati fra il 2010 e il 2017, pubblicata per l’Italia da Sur. In occasione dell’uscita, la scrittrice britannica ha fatto un breve tour di presentazione nel nostro paese e tra le città toccate c’è stata anche Bologna. Ho avuto quindi l’occasione di intervistarla.

Continua a leggere →

Jonas e il mondo nero: intervista a Francesco Carofiglio

E’ da poco in libreria “Jonas e il mondo nero” (Il Battello a Vapore) dello scrittore Francesco Carofiglio.

Scrivere questa storia, ha raccontato l’autore in questa intervista, “è stato un modo per tornare nella stanza dei giochi dell’infanzia”.

Jonas è un ragazzino atipico, ha 12 anni ed è considerato strano perché vede cose e persone che altri non vedono. Lo psichiatra da cui lo portano i genitori crede si tratti dell’amico immaginario che molti bambini hanno ma lui, innanzitutto, non si ritiene più un bambino e, soprattutto, le persone che vede non sono suoi amici.

Jonas scoprirà presto che quello in cui vive non è l’unico mondo, ma ne esiste uno sconosciuto e spaventoso, oscuro e misterioso che minaccia di trasformare la realtà, che noi tutti conosciamo, in qualcosa di spaventoso.

Continua a leggere

Saigon, Illinois: intervista a Paul Hoover

Pensavamo di aver già esplorato in tutto e per tutto l’esperienza del Vietnam attraverso documentazione, letteratura, giornali. Eppure c’è una realtà ancora da sondare a fondo e di cui si è volentieri taciuto, non per censura, si intenda, ma perché lontana dall’immagine consueta che voleva i giovani americani entusiasti di buttarsi in una guerra devastante come quella, appunto, del Vietnam.

Invece, ci sono stati ragazzi che avevano il solo desiderio di vivere una vita normale, proprio come Jim Holder il giovane protagonista di “Saigon, illinois” (Carbonio Editore) di Paul Hoover. Il ragazzo è appena uscito dall’Università e scegliere la strada dell’obiettore di coscienza, non avrebbe mai immaginato, però, che anche restando a casa avrebbe vissuto un suo personale Vietnam.

Continua a leggere…

Il profumo del mosto e dei ricordi: intervista ad Alessia Coppola

E’ uscito proprio oggi “Il profumo del mosto e dei ricordi” (Newton Compton), il nuovo libro di Alessia Coppola, che ho già avuto il piacere di intervistare per Il Filo Rosso.

Legami famigliari, ritorno alle proprio origini, scoperta delle radici, i veri affetti della vita. Sono questi i temi fondamentali di un romanzo che usa l’eredità come espediente che consente alla protagonista di scoprire un passato che non avrebbe mai immaginato ma che può diventare il suo presente.

Continua a leggere →

I fiori non hanno paura del temporale: intervista a Bianca Rita Cataldi

Serena e Corinna sono due sorelle, hanno in comune la stessa madre ma le affinità finiscono qui, almeno all’inizio di questa storia in cui la piccola, detta Poochie, guarda con ammirazione la più grande ottenendo in cambio solo qualche smorfia e poco più. In fondo l’età dell’adolescenza è difficile per tutti e avere vicino una bambina di 6 anni può essere una seccatura. Le cose, però, sono destinate a cambiare presto.

“I fiori non hanno paura del temporale” (Harper Collins) è una grande storia al femminile, sono infatti tutte (o quasi) donne le protagoniste, ognuna con le proprie caratteristiche, ognuna piena di sfumature e angoli da illuminare.

Continua a leggere →

A Disabilandia si tromba: intervista a Marina Cuollo

Irriverente, dissacrante, divertente ed estremamente vero.

Sono questi gli aggettivi che vengono subito in mente pensando al libro di Marina Cuollo “A Disabilandia si tromba” (Sperling & Kupfer), un prontuario che finalmente parla in maniera chiara della disabilità senza sconti per alcuna categoria. Perché ognuno ha i propri limiti e, senza voler sminuire le difficoltà, riporta nella giusta prospettiva cosa significhi avere un handicap. Perché tutti siamo ugualmente individui con tutti i nostri problemi, con la nostra vita quotidiana che ci fa gioire o infuriare, con le piccole grandi cose che ci irritano.

Ed è forse questo che Marina ha cercato così tenacemente di trasmettere col suo esplosivo libro: siamo tutti uguali nell’essere diversi.

E’ stato per me un vero piacere poterla intervistare e, spero un giorno, incontrarla e complimentarmi con lei per questo piccolo grande gioiello, un libro dove si ride e ci si riconcilia col mondo, dove le diversità sono parte del suo bello e non un problema da nascondere o minimizzare. Ma poi, esiste davvero la cosiddetta “normalità”?

Ecco cosa ci siamo raccontate e, vi prego, leggete questo libro, condividetelo, parlatene; Marina non tralascia nessun aspetto, sfata miti e pregiudizi, crea identikit e profili.  Insomma, leggere “A Disabilandia si tromba” è il modo migliore per capire due universi tanto diversi quanto esattamente uguali.

Ah, un ultimo avvertimento: astenersi politically correct 😉

Continua a leggere “A Disabilandia si tromba: intervista a Marina Cuollo”

Il T3rzo Piano: intervista ad Andrea Pau

Appassionati di reality? Siete pronti a vivere un’esperienza estrema? Allora Il T3erzo piano (Dana) di Andrea Pau (con illustrazioni di Sualzo) fa per voi.

In un futuro non troppo lontano da noi qualcuno ha messo in scena uno spettacolo nel quale la vita del protagonista è – legalmente – messa in pericolo e nelle “mani” di una roulette russa.

Abbiamo parlato del libro con il suo autore, ecco cosa ha raccontato Andrea Pau ai microfoni di Ciao Radio.

Continua a leggere “Il T3rzo Piano: intervista ad Andrea Pau”

La cercatrice di corallo: intervista a Vanessa Roggeri

E’ da poco in libreria “La cercatrice di corallo” (Rizzoli) il nuovo romanzo di Vanessa Roggeri. Dopo “Il cuore selvatico del Ginepro” e  “Fiore di Fulmine”, la scrittrice torna a parlarci della sua Sardegna attraverso una storia che affonda le radici in un passato drammatico, in cui rivivono i fantasmi della guerra, della carestia, della malattia; dove una donna “impastata per tre quarti ad orgoglio” si umilia a chiedere aiuto ad un parente ricco che, per tutta risposta, glielo nega lasciando lei, vedova, e gli otto figli in balia degli eventi.

Ma questo è solo l’inizio di tutto, perché i protagonisti sono Regina e Achille che delle scelte dei genitori subiscono solo le conseguenze, due famiglie in guerra tra di loro, un destino che sembra segnato perché forse nemmeno l’amore può cambiare certe situazione. Oppure sì?

Un romanzo denso e affascinante, con una scrittura ispirata e coinvolgente, in grado di dare alla narrazione quell’intrigante senso di fiaba che porta il lettore sempre in bilico tra sogno e realtà.

Di questa Sardegna magica, del suo splendido corallo e del destino di questi due ragazzi abbiamo parlato nell’intervista che potete ascoltare qui di seguito con Vanessa Roggeri, che ancora una volta è riuscita a stregarci con uno dei suoi libri.

Continua a leggere “La cercatrice di corallo: intervista a Vanessa Roggeri”