La Galleria degli Enigmi di Laura Marx Fitzgerald

“Una casa dai mille segreti, una collezione di quadri parlanti, e una ragazzina pronta a tutto per risolvere il mistero”.

E’ in libreria da alcuni giorni “La Galleria degli Enigmi” il nuovo romanzo di Laura Marx Fitzgerald, pubblicato in Italia da Fabbri Editori.

Siamo a New York, è il 1928 e conosciamo Martha, una ragazzina di dodici anni con una grande immaginazione e una lingua tagliente. Dopo l’ennesima espulsione da scuola (un istituto gestito da suore) finisce per aiutare la madre nelle faccende a casa di un ricco miliardario per cui lavora.

Martha, però, nota qualcosa di strano: la moglie del proprietario, Rose, vive reclusa in soffitta e nessuno può andarci. Gli altri domestici dicono che sia pazza ma la ragazzina mette in moto la fantasia (e l’intuizione) perché non è certa che la storia sia proprio quella…

Continue reading “La Galleria degli Enigmi di Laura Marx Fitzgerald”

Febbraio 2014: anteprima Chrysalis e intervista a Jodi Meadows per (Mondadori)

jodi meadows - chrysalisNon appena ho saputo la notizia (grazie Franci) che Incarnate (ma il titolo italiano sarà Chrysalis) sarebbe arrivato in Italia (a febbraio 2014), ho iniziato a studiare come fare per saperne di più. Ero già stata conquistata dalla trama ma le splendide copertine (cliccare sulla foto per credere) mi hanno dato il colpo di grazia. Ho quindi contattato l’autrice e chiesto di concedermi un’intervista. Ebbene, non solo è stata gentilissima (e velocissima: mi ha risposto in 24 ore!) ma si è dimostrata davvero carina e ha risposto con sincerità a tutte le mie domande. A partire, udite udite, proprio dalle cover, ma le ho chiesto anche com’è nata la storia, quando e perché ha iniziato a scrivere e molto altro.

Continue reading “Febbraio 2014: anteprima Chrysalis e intervista a Jodi Meadows per (Mondadori)”

Gena Showalter: Un oscuro risveglio (LeggerEditore)

gena showalter - un oscuro risveglio“Mezzanotte. L’ora delle streghe, secondo qualcuno. Visto che erano le 00:07 e io stavo in piedi sopra un cadavere, ero d’accordo.”: è così che conosciamo Mia Snow, protagonista della serie Alien Huntress, entrando subito nel cuore dell’azione, proprio come piace a questa tosta nuova eroina. Ma conosciamo meglio sia lei che la storia.

Mia Snow ha 28 anni, grandi occhi azzurri, capelli neri lisci, un viso ovale dagli zigomi delicati “più adatti ad una ballerina”, un passato difficile alle spalle (la madre è morta quando era piccola, due fratelli anch’essi non più al mondo, un padre che non la ama) e un lavoro pericoloso: la cacciatrice di Alieni. Un oscuro risveglio, infatti, potrebbe ambientarsi in un futuro non molto lontano dove gli Alieni si sono palesati e circolano liberamente sulla terra. Ma non tutti sono buoni e si è reso necessario costituire l’AIR un’unità di specialisti nell’investigazione e rimozione degli alieni. Si tratta di una particolare sezione della Polizia di New Chicago con la quale gli agenti si trovano a lavorare con o contro, a seconda dei casi. Le loro regole infatti, sono diverse da quelle seguite dagli agenti che trattano con gli umani e nel corso del libro vedremo come. Mia è a capo di una squadra composta da tutti uomini, ma non facciamoci fuorviare da questo, la ragazza è l’elemento più tosto del gruppo e nonostante l’avvenenza tutti le stanno alla larga perché non ha un caratterino semplice e sa come farsi valere, il rapporto che ha con chi lavora è di tipo cameratesco, con gli altri è schiva.

La conosciamo nel momento in cui visita il luogo in cui hanno trovato l’ultima vittima, William  H.Steele, nuda e messa in posa dall’assassino. Mia nota subito elementi che le consentono di restringere il campo di ricerca del responsabile alla razza degli Arcadiani: di tutti gli alieni presenti sulla terra sono i più forti, i più letali, i più difficili da catturare. Steele non è il primo che viene ritrovato con queste caratteristiche e appare subito evidente che il responsabile sia una femmina arcadiana attratta da uomini dall’aspetto diametralmente opposto rispetto a quello dei maschi della sua razza (capelli bianchi e occhi viola).

Partono le indagini e il campo delle indiziate si restringe a 5, così la squadra si divide: Mia e Dallas si dirigono a interrogare Lilla en Arr seguendo un’intuizione della ragazza. A complicare le cose, già di loro non proprio semplici, arriva una visione di Mia dove uno dei suoi agenti rimane mortalmente ferito. E Mia non ha mai sbagliato una visione. La storia procede quindi tra il tentativo di far parlare Lilla e quello di difendere la sua squadra. Fintanto che spunta un alieno pericoloso e allo stesso tempo terribilmente affascinante: Kyrin en Arr, fratello di Lilla.

Continue reading “Gena Showalter: Un oscuro risveglio (LeggerEditore)”