Maggio 2014: anteprima Vita dopo Vita di Kate Atkinson

kate atkinson - vita dopo vitaArriva in Italia, pubblicato da Nord, il libro vincitore del Goodreads Choice Award 2013 come Best Book 2013 (17,976 voti ricevuti, la seconda posizione – Philippa Gregory – ne ha ricevuti quasi la metà, 9,882 voti) nella sezione Historical Fiction: un riconoscimento assegnato dai lettori di tutto il mondo. Vita dopo Vita è anche rimasto per mesi nella top 10 della classifica del New York Times negli USA e del Sunday Times in Inghilterra. Ha visto diversi presi tra cui il riconoscimento di Miglior Romanzo dell’Anno dal New York Times, The Guardian, Time e molti altri. Le premesse, quindi, sembrano ottime (soprattutto sembrano essere d’accordo pubblico e critica); vediamo cosa aspettarci da questa lettura.

Pochi istanti dopo essere venuta al mondo, il mio cuore ha smesso di battere.
A quattro anni, sono annegata nell’oceano.
A cinque anni, sono scivolata da un tetto coperto di ghiaccio.
A otto anni, ho preso l’influenza spagnola. Quattro volte.
A ventidue anni, mio marito mi ha spinto con violenza contro un tavolino, uccidendomi.
A trent’anni, sono morta durante un bombardamento tedesco su Londra.
E su di me cadevano le tenebre.
Ma ho sempre avuto un’altra possibilità.

Dopo questi dati gli approcci al libro possono essere sostanzialmente due: quando si parla molto di un libro si ha la tendenza a rigettarlo; oppure, se tutte queste persone in tutto il mondo lo hanno apprezzato, vuol dire che è un buon libro.

Ora, non avendolo ancora letto non posso far altro che evitare di schierarmi e cercare di analizzare il contenuto e le tematiche, cercando di dare una chiave di lettura del romanzo il più chiaro possibile e senza alcun pregiudizio: a volte i libri migliori sono proprio quelli che non ti aspetti!

Protagonista di Vita dopo Vita è Ursula. La sua è una strana esistenza, fin dalla nascita è morta numerose volte, nei modi più strani, in maniera naturale o per mano di qualcuno. E ogni volta è tornata in vita, sempre come Ursula, sempre con la stessa famiglia, sempre (o quasi) ricordando quello che le è successo e come è morta.

Di primo acchito potremmo pensare che si tratti di un romanzo che analizza la vita oltre la vita, quel limbo in cui – si presume – andremo una volta defunti; oppure l’idea di migliorarsi e di trovare soluzioni per crescere morte dopo morte. In realtà l’approccio del romanzo è tutt’altro: chi si aspetta di leggere un romanzo paranormale potrebbe restarne deluso. La vita di Ursula si concentra sull’aspetto storico, sui rapporti famigliari, sulla società in cui vive, sull’orrore della guerra e sugli incidenti di percorso della vita.

Un libro che può essere letto su vari livelli. Il lettore si pone spesso nella condizione di porsi domande non solo su ciò che accade attorno a Ursula ma anche su ciò che accade ad Ursula. Una ragazza che di volta in volta si trova a dover prendere decisioni che cambiano il corso della sua vita ma, una diversa scelta è necessariamente una scelta migliore? Quanti di noi vorrebbero avere l’opportunità di compiere un percorso diverso dal proprio? Ma quanti vorrebbero rivivere il passato sia nei momenti migliori che in quelli peggiori? A Ursula non è concessa la fine della vita, lei deve continuare ad andare avanti portando con sé ogni orrore vissuto, con la consapevolezza, però, che ogni vita è unica, non ha senso pensare più di tanto, l’unica via è quella di andare avanti e cercare di fare del nostro meglio.

Chi ha già letto il romanzo lo ha definito un vero libro “all’inglese” paragonandolo più volte a Dowtown Abbey: onestamente non ho visto il telefilm ma in molti segnalano le stesse atmosfere e lo consigliano a chi ha amato (o ama tutt’ora) questa serie.

Ora, non vorrei fosse passata l’impressione di un libro eccessivamente puntato verso la tragedia, in esso coesistono elementi ironici ad altri più crudi. Forse perchè, in fondo, la vita non avrebbe senso se non venisse presa – di tanto in tanto – con un sorriso.

Book summary

In una gelida notte di febbraio del 1910, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, e nessuno riesce a salvarla.
In una gelida notte di febbraio del 1910, a Londra nasce una bambina. Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, ma il medico di famiglia, giunto proprio all’ultimo istante, lo taglia e permette alla piccola di respirare.
Inizia così la vita straordinaria di Ursula Todd, una vita che, nel corso degli anni, verrà spezzata più e più volte, mentre l’umanità si avvia inesorabilmente verso la tragedia della guerra.
Vita dopo vita, Ursula troverà la forza di cambiare il proprio destino, quello delle persone che incrocerà e quello del mondo intero?

Author

Kate Atkinson è una delle più importanti scrittrici del panorama narrativo inglese e, nel 2011, è diventata Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per meriti letterari. Vive a Edimburgo. La Lionsgate film ha già acquisito i diritti per la trasposizione cinematografica. La casa di produzione, negli ultimi anni, ha prodotto ben 17 film vincitori di un premio Oscar e la sceneggiatura è stata affidata ai due autori delle serie tv Mad Man e The Bridge.

Titolo: Vita dopo Vita
Titolo originale: Life After Life
Autore: Kate Atkinson
Traduttore: Alessandro Storti
Editore: Nord
Collana: Narrativa
Pagine: 544
Prezzo: 18,60 (E. 15,81 su Amazon)
Data di uscita: 22 maggio 2014

Advertisements

One thought on “Maggio 2014: anteprima Vita dopo Vita di Kate Atkinson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...