Recensione: Scarlet di Marissa Meyer (Mondadori)

marissa meyer - scarlet ita“Scarlet stava scendendo verso il vicolo sul retro della Taverna Rieux quando il suo schermo portatile squillò sul sedile del passeggero, seguito dall’annuncio della voce automatica: “Mess per Mademoiselle Scarlet Benoit inviato dal Dipartimento Persone Scomparse delle Forze dell’Ordine di Tolosa.” Queste le prime righe di Scarlet, il secondo libro delle Cronache Lunari uscito in Italia per Mondadori.

Inizia così il secondo libro delle Cronache Lunari di Marissa Meyer, catapultandoci dentro la storia di Scarlet co-protagonista dell’omonimo romanzo. Ma, prima di entrare nel merito, facciamo il punto della situazione (chi non ha ancora letto Cinder, troverà degli spoiler).

Il contesto – Le Cronache si svolgono in un’ipotetico futuro (l’unico riferimento temporale è quello di 126 anni dopo la quarta guerra mondiale) dove un ennesimo conflitto mondiale ha ridisegnato le carte geografiche e politiche della terra: il mondo è stretto in un’alleanza di sei nazioni (Regno Unito, Unione Africana, Repubblica Americana, Australia e Commonwealth la cui capitale è Nuova Pechino; alcune sono delle Repubbliche mentre altre conservano la Monarchia) che formano un unico grande pianeta. Ma questo non è l’unico pianeta su cui è presente della popolazione: la Luna è infatti una grande potenza, ha stretto accordo con gli uomini ma da tempo minaccia di far scoppiare una nuova guerra.

Gli uomini, nel tempo, hanno sviluppato notevolmente la tecnologia: robot autonomi e pensanti sono svolgono molti lavori anche se vengono considerati poco più che rottami, e poi ci sono i cyborg. Questi ultimi altri non sono che umani i quali, per malattie o disgrazie, si trovano ad avere parti, più o meno estese, robotiche. Anche i cyborg hanno una pessima reputazione e la legge stessa li reputa poco più che “animali da compagnia” che possono anche essere eliminati.

I lunari, invece, hanno poteri decisamente pericolosi: sono in grado di influenzare le biomasse attraverso il cosiddetto “fascino“, ovvero riescono a far vedere, pensare e agire le persone a seconda dei loro voleri. Non tutti però nascono con questo dono. Chi ne è sprovvisto viene definito “guscio” ed eliminato. 

Inutile dire che i Lunari considerano gli umani inferiori (in quanto subiscono il loro “fascino”) e gli umani sono diffidenti verso gli abitanti della Luna (che non hanno il permesso di vivere sulla Terra) proprio per questa loro tendenza alla manipolazione.

I personaggi– In Cinder abbiamo conosciuto una moderna Cenerentola, adottata da un uomo (poi scomparso) e “gestita” da una matrigna che la disprezza e due sorelle (Peony e Pearl), la minore delle due, sarà sua amica (Peony). La ragazza è un cyborg, in parte umana in parte robot, ed è il miglior meccanico di Nuova Pechino. Sua amica e aiutante, il robot domestico Iko. La storia di Cinder viene a intrecciare quella di Kai, figlio dell’Imperatore e futuro regnante. Il punto di contatto è dato da Nainsi, un androide reale che si è rotto e a cui il principe tiene molto avendogli fatto da baby sitter, che si è improvvisamente rotto e a corte nessuno riesce a capire cosa non funzioni. Infine, conosciamo la Regina Levana, una lunare spietata che minaccia da sempre la terra di far partire una nuova guerra, vuole il pianeta per sè e propone all’Imperatore di prenderla in moglie per assicurare un’alleanza duratura.

marissa meyer - wolf

In Scarlet facciamo la conoscenza di Cappuccetto Rosso. La ragazza vive con la nonna, Michelle Benoit, in una fattoria e consegna frutta e verdura nella piccola provincia di Rieux vicino Parigi. Quaranta anni prima la nonna era pilota di navicelle spaziali. All’inizio del libro conosce Wolf (immagine a lato), uno street fighter, che si offre di aiutarla a ritrovare la nonna scomparsa.

Dove eravamo rimasti – Il primo volume si è concluso con Cinder che, invitata al ballo da Kai (che la credeva una ragazza normale), decide di andare perché ha scoperto che la Regina Levana ha intenzione di sposarlo e poi ucciderlo per diventare l’unica imperatrice della Terra e della Luna. Cinder riesce nell’intento di avvisarlo ma viene scoperto che è un cyborg (anche il principe ne rimane sconvolto) e viene tacciata di cospirare contro il Reame. E’ così che viene incarcerata, in attesa di essere rispedita (e con tutta probabilità uccisa) sulla Luna perchè non solo è cyborg ma anche lunare. In realtà la Regina Levana ha riconosciuto in lei Selene, la principessa ereditaria lunare che tanti anni prima aveva ordinato di uccidere (per dirigere lei il regno) ma che, miracolosamente, risulta essere ancora viva, anche se in parte cyborg. Notizia cui è a conoscenza solo la Regina e Cinder stessa.

Scarlet– Il secondo volume (di quattro) è incentrato su una storia parallela che, anziché a Nuova Pechino, si svolge in Francia. Nel corso della lettura ci si accorgerà, però, che le due storie sono intrecciate. Il personaggio principale è Scarlet (immagine sotto) alle prese con la scomparsa della nonna. Quando anche la polizia l’avvisa di aver archiviato il caso, l’unica possibilità di ritrovarla è di rimboccarsi le maniche e cercarla. Ad affiancarla, non senza diffidenza, in quest’avventura un ragazzo conosciuto nella Taverna dove consegna le verdure, rivisto poi durante combattimenti di strada. Lui sa qualcosa ed è disposto ad aiutarla, conducendola dalle persone che, a suo dire, l’hanno rapita perché a conoscenza di segreti che potrebbero portare alla scoperta di dove si trovi la Principessa Selena.

Marissa Meyer - scarlet imageParallelamente, Cinder, entrata in possesso dei poteri lunari e con un piccolo aiuto esterno, riesce a scappare di prigione. Sventuratamente, poco prima, finisce nella cella del play boy aspirante comandante di aeronavi Carswell Thorne, condannato a 6 anni di reclusione per aver rubato una nave, che deve portare con sè. Il ragazzo si rivelerà importante come appoggio per la ragazza, il cui primo obiettivo è quello di scoprire qualcosa di più su chi l’ha aiutata a sopravvivere e come fare per combattere la Regina. Il nome di riferimento è Michelle Benoit, che risulta proprietaria di una fattoria in Francia…

Nel mentre, dopo la fuga di Cinder, la Regina Levana ha preso questo come un affronto personale e una mancanza dell’Imperatore nei suoi confronti. Un ultimatum di 3 giorni per trovare la ragazza o la Terra subirà un attacco senza precedenti dai lunari.

La mia recensione – Come avrete capito, il secondo volume delle Cronache Lunari ha più obiettivi. Il primo è quello di proseguire la storia di Cinder cominciata nel volume precedente, seguendo il suo viaggio verso la conoscenza di chi l’ha salvata e del perchè l’ha fatto. Molte persone sono morte e hanno rischiato in prima persona per lei, ha quindi un debito nei loro confronti e deve scoprire perché è così importante che lei viva e come fare a sconfiggere la Regina. Il secondo, è l‘introduzione di un nuovo personaggio, Scarlet, la cui storia è intrecciata a quella di Cinder e viaggerà in parallelo durante tutto il libro. Ma c’è un’altra voce che troverete, quella di Kai: sono infatti presenti alcuni capitoli in cui la telecamera si sposta verso le stanze dell’Imperatore per seguire cosa sta succedendo a palazzo mentre Cinder fugge e Scarlet cerca la nonna. Un intreccio notevole di storie e personaggi viene a crearsi in questo secondo libro che allo stesso tempo arricchisce la storia e la tiene viva sviluppando nel lettore la volontà di saperne sempre di più e approfondire le situazioni.

Solo una grande capacità nella tessitura delle trame e nella capacità di scrittura può far sì che un’intreccio complesso come questo diventi un bel libro. E Marissa Meyer, senza ombra di dubbio, ci riesce. Sembra incredibile parlare di lei come esordiente (Cinder è stato il suo debutto) dopo aver letto questa serie. La scrittura è fluida, i personaggi ben tratteggiati, la trama studiata in maniera eccellente. La giostra dei personaggi viene tenuta insieme da basi solide che da un lato sono costituite dalle fondamenta dei personaggi originari delle favole, dall’altro acquisiscono spessore e carattere unico dato dalla storia e dalla sapiente capacità di scrittura della Meyer.

Il tratto è essenziale ma in poche parole riesce a rendere esattamente una scena, una situazione, un’azione. Anche una complessa come quella di lanciarsi da un treno:

Prima che lei potesse ribattere, prima che potesse ribadire il suo sprezzo per il pericolo, lui la sollevò con entrambe le braccia. Scarlet trasalì ed ebbe giusto il tempo di aprire la bocca, pronta a ordinargli di rimetterla giù, che wolf era già sul davanzale, col vento che agitava i riccioli di lei contro il suo collo. Saltò. Scarlet gridò e si afferò a lui, lo stomaco le si capovolse, e sentì lo shock dell’atterraggio lungo tutta la spina dorsale. Affondò le dita nelle spalle di lui. Ogni suo arto tremava. Wolf era atterrato in una radura a otto passi dai binari. Si addentrò barcollando tra gli alberi e si accucciò nell’ombra.” [pag.172]

Unico difetto (se proprio vogliamo trovarne uno) è quello di essere lento: seguire in contemporanea 3 situazioni differenti fa sì che gli avvenimenti siano, necessariamente, più brevi. Ciononostante, posso affermare che il libro si gusta con più calma, senza la frenetica necessità di divorarlo (rischiando di perdere qualcosa per strada), approfondendo invece ogni storia come si deve.

Libro consigliatissimo!

LE COVER

Le Cronache Lunari di Marissa Meyer sono composte di 4 libri 2 dei quali già usciti sia in Italia che negli USA, e uno di prossima uscita nel paese d’origine la cui copertina è da poco stata rivelata. Qui di seguito trovate le cover a confronto!

Che ne pensate?

TRAMA

Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l’ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l’aiuto dell’ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell’affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dover combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato… o un predatore.

COVER DAL MONDO

Ecco una piccola rubrichetta che troverete in alcune recensioni. Mi diverte proprio tanto vedere come lo stesso libro viene interpretato tramite le copertine in tutto il mondo. E’ un gioco che si può fare solo quando il libro ha avuto più edizioni, proprio come in questo caso. Quindi, vi propongo sotto tutte le copertine internazionali di Cinder (il primo volume, la cui recensione trovate qui). E voi, quale preferite?

L’AUTRICE

Marissa Meyer è nata nel 1984, è da sempre appassionata di fantascienza. Scrive nel suo studio disseminato di oggetti da fiaba vintage (il suo preferito è una biscottiera di Cenerentola degli anni Quaranta), ma quando scrivee assomiglia troppo ad un lavoro serio, rimane a lavorare a letto col suo portatile e una tazza di caffè. Vive a Tacoma, nello stato di Washington, con suo marito e tre gatti (Calexandria Josephine, Stormus Enormous e Blackland Rockwell III).

Qui il sito web della scrittrice: http://www.marissameyer.com.

Titolo: Scarlet. Cronache Lunari
Titolo originale: Scarlet
Autore: Marissa Meyer
Editore: Mondadori
Pagine: 427
Prezzo: 17,00

Advertisements

4 thoughts on “Recensione: Scarlet di Marissa Meyer (Mondadori)

  1. Devo ancora leggere Cinder, quindi non so se Scarlet mi piacerà o meno. Posso dire, però, che le trame sembrano davvero originali e avvincenti e non vedo l’ora di leggerli!
    Le cover originali, poi, le trovo davvero fantastiche!

    Mi piace

  2. Concordo con te sul difetto di essere un po’ lento, soprattutto all’inizio, ma poi la storia prende il volo e si legge molto più velocemente… Le cover di tutta la serie sono stupende, sia quelle italiane che quelle del resto del mondo, le adoro tutte ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...